Le organizzazioni di tutto il mondo chiedono ai ministri del G7 più tutela per i prodotti locali: la Dichiarazione di Bergamo

La Dichiarazione di Bergamo fissa gli obiettivi su quattro temi strategici:

contraffazione, cooperazione internazionale, sostenibilità e web transparency

In occasione del G7 dei Ministri dell’agricoltura del 14-15 ottobre, le più importanti organizzazioni internazionali delle Indi­cazioni Geografiche dei prodotti Food, Wine Spirits, in rappresentanza di migliaia di aziende, si sono riunite a Bergamo per affermare il ruolo centrale che queste ricoprono per lo sviluppo delle economie territoriali di tutto il mondo.

Oltre 30 rappresentanze da quattro continenti (Africa, Asia, America e Europa) hanno discusso e approvato la “Dichiarazione di Bergamo”, un documento strategico in cui si individuano le priorità per sostenere la crescita del settore e ribadirne la centra­lità all’interno dell’agenda politica internazionale.

LA “DICHIARAZIONE DI BERGAMO”

Quattro i temi principali su cui verte l’accordo: la cooperazione fra distretti evoluti delle IG e le aree dei Paesi in via di sviluppo, l’investimento in ricerca per la definizione di un modello di sviluppo sostenibile, il rafforzamento della tutela di produttori e consumatori dalla contraffazione e un sostanziale miglioramento della trasparenza della “Internet governance” con il coinvol­gimento degli stakeholders.

Nell’affermare queste esigenze alle autorità pubbliche dei Paesi del G7 e alla comunità internazionale, i rappresentanti delle Indicazioni Geografiche sottolineano come questi prodotti siano elemento di sviluppo economico e sociale di ogni singola area del mondo visto che, per loro natura, sono attenti alla conservazione delle risorse locali e del territorio – fattori che caratterizza­no l’unicità delle produzioni e la loro impossibilità di essere delocalizzate – e delle conoscenze tradizionali delle comunità locali, grazie anche all’adesione ad un severo sistema dei controlli.

Quattro i temi principali su cui verte l’accordo: la cooperazione fra distretti evoluti delle IG e le aree dei Paesi in via di sviluppo, l’investimento in ricerca per la definizione di un modello di sviluppo sostenibile, il rafforzamento della tutela di produttori e consumatori dalla contraffazione e un sostanziale miglioramento della trasparenza della “Internet governance” con il coinvol­gimento degli stakeholders.

Nell’affermare queste esigenze alle autorità pubbliche dei Paesi del G7 e alla comunità internazionale, i rappresentanti delle Indicazioni Geografiche sottolineano come questi prodotti siano elemento di sviluppo economico e sociale di ogni singola area del mondo visto che, per loro natura, sono attenti alla conservazione delle risorse locali e del territorio – fattori che caratterizza­no l’unicità delle produzioni e la loro impossibilità di essere delocalizzate – e delle conoscenze tradizionali delle comunità locali, grazie anche all’adesione ad un severo sistema dei controlli.

SCARICA LA DICHIARAZIONE DI BERGAMO IN ITALIANO

DOWNLOAD DECLARATION OF BERGAMO