“Unione Europea e prodotti agroalimentari tipici liguri”: conoscenza e promozione a Sestri Levante. La partecipazione del Consorzio per la Tutela dell’Olio DOP Riviera Ligure

12 ottobre 2015, a Sestri Levante, nei locali dell’ex convento dell’Annunziata si terrà un evento dove la dimensione giuridica dell’agroalimentare tipico ligure si tradurrà anche in un’esperienza conoscitiva per il mercato indiano. Appare chiaro che il sistema di tutela stabilito in sede europea per i prodotti agroalimentari collegati alla tradizione territoriale si configuri in DOP e in IGP che ancora oggi devono essere conosciute in modo esaustivo dai consumatori. Avere una certezza in merito all’origine geografica dei prodotti e della qualità dei loro processi produttivi è indubbiamente una garanzia notevole per il consumatore. Si tratta di una politica volta a consolidare la consapevolezza alimentare. L’olio extravergine di oliva è, nel nostro caso, uno dei prodotti che più necessita di sicurezze in merito alle provenienze. L’Italia olearia, poi, si trova in prima linea in questo contesto di biodiversità, con più di 300 cultivar ovvero specie di olivo, tutte capaci di produrre oli diversi, adatti alle specificità delle cucine regionali. Ne consegue anche l’impegno del Consorzio per la Tutela dell’olio DOP Riviera Ligure, che partecipa al convegno, organizzato dall’affermato studio giuridico internazionale Conte & Giacomini. Il gruppo dei relatori, folto ed autorevole, comprende infatti Francesco Bruzzo, vice presidente del Consorzio. L’impegno di Francesco Bruzzo per la conoscenza dell’olio DOP Riviera Ligure è continuo. Questa partecipazione appare importante in relazione alla necessità di sostenere a tutti i livelli le tutele in tema di certificazione e garanzia dei prodotti agroalimentari liguri. Ne consegue che molti enti, pubblici e privati nonché il mondo universitario, abbiano aderito all’iniziativa. Un percorso che avrà anche un momento di degustazione, con show cooking e suggerimenti al pubblico per il miglior impiego della tipicità agroalimentare ligure. Non è finita qui: nello stesso giorno è prevista una visita di trenta operatori indiani alla scoperta del tipicamente ligure. Fattiva collaborazione con il TTG Rimini. Una buona occasione, dunque, per aprire nuovi mercati in un subcontinente in espansione.

Francesco Bruzzo

Francesco Bruzzo

Bottiglia olio DOP Riviera Ligure