Azienda Agricola Beronà

Azienda Agricola Beronà
Ragione sociale
Azienda Agricola Beronà
Indirizzo
Località Berona scn 18013 Diano Arentino (IM)
Telefono
339 7569889
Menzione Geografica
Descrizione

Sull’arco del territorio ligure il golfo dianese e il suo entroterra sono spazi vocati all’olivicoltura fin dallo sviluppo avvenuto 600 anni fa. Appare chiaro che anche le più giovani aziende abbiano salde radici in questo ambito ove si saldano una secolare conoscenza di alberi, di metodi agricoli, di comprensione dei prodotti. Riccardo Fazio è il giovane e dinamico dottore in scienze forestali e ambientali che mette a profitto le sue conoscenze applicandole al suo territorio di origine. Diano Arentino, dunque, lavoro direttamente in campo e fondazione di un’azienda che nel nome Beronà rimanda alla principale regione agricola d’impresa. Pronunciato come in s-aa Berunà, può derivare dal dialettale latinizzato beronarius, cioè “servitore”. Dunque, una derivazione da soprannome, forse di una persona a servizio e quindi destinatario di terreni dei primi signori feudali della valle, i Clavesana. Un nome che rimanda ad almeno 800 anni fa.

I terreni sono quelli di famiglia, quelli del nonno. L’olivicoltura diventa una professione. Riccardo facilmente parla di nomi di terreni a cui è particolarmente attaccato. Nelle sue parole c’è passione, c’è attaccamento al territorio. I terreni sono Valcrosa, “la vallecola stretta e chiusa”, la Muntà, il classico spazio agricolo ligure in salita, ripido, il Cioso ovvero i terreni di famiglia, chiusi e riparati, Villà, luogo ove un tempo c’era un abitato e dunque spazio utilizzato dall’Uomo da molto tempo, infine Rapitta, termine recente che può indicare anche una precedente coltura ortiva.

In breve tempo, dalla sua fondazione nel 2019 al 2021, in tempi difficili, l’evoluzione aziendale è giunta alla produzione anche dell’olio extravergine di olivo DOP Riviera Ligure. Una scelta corretta, proprio per la relazione forte, inscindibile, con il territorio ligure.

Si parla di spazi dove la coltivazione non è facile e l’azione è prettamente manuale. Eppure la buona esposizione, l’altitudine già elevata sui 300 metri, il particolare clima vocato oltre alla presenza di alberi di pregiate olive Taggiasche, consentono una produzione ottimale. La filiera è completata in azienda, con un frantoio di ultima generazione, controllato in primo luogo da una mente lucida e progettuale.

Di fatto Azienda Agricola Beronà è il connubio tra lo studio, l’applicazione della modernità tecnico-botanica con la sapienza della tradizione. Non si rinnegano gli esempi familiari, ma si innovano. Questo vale per l’olio  extravergine, ivi comprendendo la menzione DOP Riviera Ligure dei Fiori, vale per il recente interesse alla coltivazione della vite e dunque al mondo del vino, che in Liguria ormai vuol dire soprattutto qualità. Nonché recupero, perché Riccardo ha letteralmente recuperato un terreno incolto per destinarlo all’impianto della Granaccia, vitigno mediterraneo di forte prospettiva nonché memoria ligure. L’impegno si estende poi ai prodotti territoriali come olive taggiasche in salamoia e denocciolate in olio oltre all’ormai classico paté di olive, ovviamente taggiasche.